HOME      INFORMAZIONI      STAFF      SERVIZI       VIRTUAL TOURS       ERBARIO DIGITALE      LINKS

EN | IT

Ficus macrophylla f. columnaris

 (Moraceae)

Questo caratteristico esemplare di quasi duecento anni di età, ormai famoso in tutto il mondo, fu introdotto nella prima metà dell’Ottocento nell’Orto botanico di Palermo. Successivamente iniziò la sua rapida e inesorabile diffusione in tutti i parchi e giardini pubblici e privati della costa siciliana. Oggi è facile incontrarlo in monumentali esemplari la cui crescita ha spesso modificato profondamente gli impianti architettonici originari.

È più noto come Ficus magnolioides Borzì, nome che richiama la somiglianza delle sue foglie a quelle della Magnolia grandiflora con la quale viene talora confuso.

A Palermo esiste una strada denominata Viale delle Magnolie che è in realtà alberata con questo ficus. Dalle foglie e dal fusto si ricava un latice bianco molto simile a quello che si estrae dal Ficus elastica per ottenere il caucciù ma la qualità, a questo scopo, è sensibilmente minore. In natura (Lord Howe) cresce in dense formazioni insieme alla nota palma Kentia (Howea forsteriana). Fa parte del gruppo dei ficus denominati necat-plantas cioè uccisori di piante ovvero fichi strangolatori in quanto, con il suo peculiare sviluppo ingloba a se e fagocita ogni pianta o materiale che incontra sul suo cammino.

Nell’areale di origine questo singolare albero nasce, generalmente, come epifita (cioè come pianta che cresce su un’altra senza comunque esserne parassita). In seguito, dal giovane fusto e dalle ramificazioni cominciano a svilupparsi numerose radici aeree che, toccando terra e affrancandosi, si trasformeranno in pseudotronchi di sostegno molti dei quali, saldandosi fra loro, formeranno insieme al tronco principale, una gigantesca e indistinta biomassa legnosa. Oltre a queste radici aeree avventizie, sono presenti anche grosse radici tabulari, di sostegno al tronco principale, che raggiungono sul terreno lunghezze davvero considerevoli.  Le foglie, piuttosto coriacee, sono di colore verde scuro e glabre sulla pagina superiore e si presentano lievemente tomentose e color ruggine in quella inferiore. Le infiorescenze (i siconi) ascellari, disposte sulla zona terminale delle ramificazioni, non si trasformano in infruttescenze per l’assenza, in Italia, degli specifici insetti pronubi. Questa sottospecie è caratterizzata, rispetto alla sottospecie macrophylla, oltre che dal tomento color ruggine sulla pagina inferiore della foglia (F. macrophylla subsp. macrophylla ha invece la pagina inferiore verde), da foglie e da siconi generalmente più piccoli e, in particolare, dall’abbondanza di radici aeree e relativi pseudotronchi. Un vecchio albero copre facilmente la considerevole area di 2 ettari.

Nome comune:  Ficus magnolioide o Fico della Baia di Moreton

 

Etimologia: epiteto generico, dal latino ‘ficus, i’ e ‘ficus, us’, nome con il quale era chiamato il “fico comune”, Ficus carica L. o il suo frutto edule; macrophylla: grande foglia; columnaris, per via delle formazioni colonnari delle radici aeree.

 

Origine: Australia, Norfolk, Lord Howe

 

Habitat ed esigenze colturali: è un albero relativamente rustico, che si adatta a diverse condizioni di suolo, ma piuttosto esigente in fatto di temperatura e di spazio.

Orto Botanico

Via Lincoln, 2

90133 PALERMO, Italia

Codice Fiscale 80023730825, Partita IVA 00605880822

 

091 238 91236

 

botanica@unipa.it